scuola infanzia Scuola Primaria

Post Title

La scuola primaria

Il passaggio dalle scuole dell’infanzia del territorio prevede:
la CONTINUITÀ VERTICALE con una conoscenza delle competenze acquisite dai bambini alla scuola Primaria (conoscenza diretta delle maestre);
la progettazione e la realizzazione di percorsi individualizzati nella scuola secondaria di primo grado riguardo alle COMPETENZE DA ACQUISIRE e, in uscita, attenzione nella scelta della scuola Secondaria di II grado;
la possibilità di incontrare l’Ente Gestore e la Dirigenza direttamente in un’ottica di CONDIVISIONE DEL PERCORSO EDUCATIVO.

La scuola si configura come:
PUBBLICA: perché rende un servizio educativo a tutti i cittadini che la scelgono ed è radicata nella realtà locale.
PARITARIA: perché fa parte del sistema nazionale di istruzione ai sensi della L. 62/2000.
CATTOLICA: perché attraverso la cultura trasmette una visione del mondo, dell’uomo e della storia ispirata al Vangelo.
CANOSSIANA: perché ha come fonte di ispirazione il carisma educativo di S. Maddalena di Canossa, che individua nell’educazione la risorsa principale di umanizzazione della persona e di miglioramento della società.

Progetti gratuiti in orario curricolare

Progetti in orario curricolare di potenziamento e consolidamento.
Progetto Teatro: in collaborazione con il Teatro Telaio per lo sviluppo del profilo emotivo.
Educazione stradale.
Progetto Musica (in collaborazione con la Banda di Rovato).
Progetto potenziamento inglese (un’ora con la specialista di inglese e copresenze sulle materie curricolari svolte con la compresenza dell’insegnante specialista di inglese = CLIL). Dalla classe seconda presenza della madrelingua con certificazione Cambridge in classe quinta.
Progetto Affettività.
Progetto Biblioteca: percorso di avvio alla lettura.
Progetti / Bandi in collaborazione con altri Enti

ALLEGATI A.S. 2019/2020

PROGETTI A.S. 2019/2020

Riconoscere la dimensione affettiva in termini di sentimento, stati d’animo, emozioni. Approfondire la dimensione della sessualità intesa come identità di genere. Definirei il linguaggio “corretto” affettivo-sessuale. Conoscenza e accettazione dell’altro.

L'educazione alla teatralità permette di maturare il proprio potenziale espressivo; indaga e rafforza le relazioni all'interno del gruppo classe; valorizza e rende visibili anche gli alunni che più faticano nelle attività didattiche strutturate; permette la sperimentazione dei linguaggi non verbali.

"Giocare con la musica, giocare alla musica, musica da giocare" il tutto attraverso l’ascolto non verbale. La musica è uno strumento di relazione e conoscenza di sé e dell'altro, che quando usato correttamente stimola alla crescita emotiva personale e di gruppo.

Insegnamento discipline non linguistiche ( arte, storia, geografia, scienze) in lingua inglese. Promuovere l’interdisciplinarietà dei contenuti didattici. Arricchire il lessico in lingua inglese. Apprendere terminologia specifica in lingua inglese. Stimolare la motivazione all’apprendimento di contenuti disciplinari in lingua inglese.

I docenti della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado individuano, per ogni anno scolastico, un tema trasversale attorno al quale sviluppare un progetto didattico verticale che porti ognuna delle classi dei due ordini di scuola a collaborare e ad approfondire il tema secondo un’area disciplinare specifica. La

Sviluppare maggior consapevolezza, negli alunni, dell’importanza che l’acqua ha come bene prezioso presente naturalmente sulla Terra, arrivando a comprendere che tutto ha inizio dall’acqua e grazie all’acqua.

Gli obiettivi formativi rimandano al rispetto delle regole, sani stili di vita, prudenza, riconoscimento della responsabilità nelle proprie scelte e nelle proprie azioni; tutti valori compresi in “Cittadinanza e Costituzione”. L’educazione alla sicurezza stradale mira a sviluppare una conoscenza corretta e certa delle norme che muovono l’ambiente stradale facendo acquisire la consapevolezza delle possibili conseguenze delle azioni. Essa è un impegno lungo e paziente, ma anche una sfida che ha l’obiettivo di mettere i giovani, cittadini del futuro, al riparo dai rischi e dai pericoli. A conclusione del percorso, vi è il conseguimento della "Patente del Pedone" per le classi IV e della "Patente del Ciclista" per le classi V.

I bambini sono stimolati a portare un frutto, uno yogurt o un succo come merenda della mattina. Da quest'anno, dopo aver aderito ad un progetto regionale, la frutta verrà fornita da un ente esterno. L'obiettivo è quello di incentivare il consumo di frutta e verdura tra i bambini, nonché di offrire loro occasioni per conoscere prodotti naturali diversi in varietà e tipologia come valida alternativa ai prodotti offerti dalla pubblicità.

In una società in cui i mezzi di comunicazione di massa hanno preso il sopravvento, i docenti hanno sentita viva l'esigenza di "ri-educare" i più piccoli alla scoperta di un buon libro. Il progetto di promozione alla lettura germoglia dalla necessità di far nascere e far crescere nei bambini l’amore per la lettura, elemento che deve essere vissuto innanzi tutto come un piacere, un rilassante diversivo alle attività quotidiane. Il progetto prevede l'avvicinamento ai libri grazie alla lettura vicariale di alcuni testi classici, per i bambini delle classi più piccole. Per i più grandi la possibilità e l'invito a prendere in prestito un volume dalla biblioteca presente all’interno dell’istituto. La lettura è libera ed i bambini hanno ampia libertà di scelta tra i generi che riempiono gli scaffali. A questo percorso se ne affianca uno parallelo, in collaborazione con la biblioteca "C. Cantù" di Rovato, differenziato per età.

Sviluppo della abilità di comprensione orale in lingua inglese. Potenziamento e sviluppo dell’abilità di comunicare, con una corretta pronuncia, in lingua inglese. Arricchimento del lessico in lingua inglese. Acquisire maggior disinvoltura nella capacità di comunicare riguardo temi, situazioni e argomenti affrontati durante l’anno scolastico. Sviluppare una maggior fluidità di espressione in lingua inglese.

Sensibilizzare al tema della solidarietà e all'attenzione all'altro.
Promuovere la conoscenza di situazioni problematiche, di fragilità e di bisogno, dalle più vicine alle più lontane.